Mobilizzazione attiva e passiva

Sui pazienti in riabilitazione è giusto associare alle terapie degli esercizi quotidiani che possono essere di natura passiva o attiva. Gli esercizi di mobilizzazione passiva e attiva aiutano a ripristinare il normale range di movimento degli arti, a riacquisire psicomotricità e propriocezione. Per esercizi attivi s'intendono movimenti che vengono fatti eseguire all'animale di sua spontanea volontà. Anche il solo mantenimento statico della stazione quadrupedale o delle semplici passeggiate su un terreno pianeggiante possono essere terapeutiche se eseguite per un tempo adeguato e ad un andatura progressiva senza forzare l'animale.
Agli esercizi attivi vanno associati esercizi di mobilizzazione passiva di flessione, estensione, adduzione e abduzione che favoriscono la ripresa della mobilità delle articolazioni. Questi movimenti attivi e passivi associati ai massaggi e alle sedute di agopuntura e laser favoriscono la ripresa del tono muscolare.
Alcuni di questi esercizi, soprattutto in caso di patologie neurologiche, vengono effettuati avvalendosi di strumenti come speciali palloni o "tavole propriocettive".