Ad ogni cavallo la giusta alimentazione

Fibra in quantità, i mangimi e i nuclei più adatti ad ogni cavallo

Immagini per video-15
Immagini per video-13
Immagini per video-16
40

Ormai abbiamo a disposizione moltissimi mangimi concentrati differenti tra cui poter scegliere, una vasta offerta che permette di far fronte alle esigenze di tutti i cavalli, diversi per razza, età e problemi fisici legati alla loro condizione al momento del ricovero.
I diversi cavalli hanno sicuramente esigenze molto diverse tra loro, ma tutti non possono fare a meno di una dieta fatta di fieno e di un concentrato. Una quantità di fieno adeguata, disponibile possibilmente

sulle 24h, è sicuramente la cura migliore per molti cavalli, a cui bisogna associare un concentrato in una quantità e con una composizione adatta per quel singolo soggetto. I nuclei ci permettono inoltre di integrare la dieta se è necessario con alimenti nutrienti mancanti, che non sovraccarichino eccessivamente il cavallo di amidi, che non andrebbero mai dati in eccesso per evitare che si sviluppino problemi gastrici ed intestinali. 

Il cavallo è quello che mangia...

I cavalli sono erbivori monogastrici, e in natura si cibano soprattutto di quello che trovano sul terreno, quindi erba. La dieta che seguono in scuderia per far fronte alle esigenze nutrizionali che richiede il lavoro a cui li sottoponiamo, richiede dal loro organismo un certo adattamento, in quanto non hanno uno stomaco capiente in grado di contenere e digerire grosse quantità di alimento concentrato. Un adattamento che alcuni cavalli sopportano meno bene di altri. In natura i cavalli mangiano per circa 18 ore al giorno e dunque lo stomaco non è mai completamente vuoto, mentre spesso in scuderia si danno pasti di fieno troppo risicati per 3 volte al giorno, quando va bene. Alla base dei problemi gastrici e delle condizioni fisiche scadenti di molti cavalli, c’è proprio una dieta che non tiene in considerazione delle esigenze personali di ciascun soggetto e delle caratteristiche etologiche degli equidi in generale. 
Un’alimentazione ricca di fibra, solitamente fieno e pastoni a base di crusca e barbabietola, con un concentrato adatto al cavallo in termini di indole, attitudine, razza, età e condizioni fisiche, può da sola dare al cavallo enormi benefici, sia fisici che psicologici. Grosse quantità di concentrato, non possono essere date al cavallo senza che stomaco e intestino ne risentano. Noi in clinica poniamo tantissima attenzione a questi dettagli, creando per ciascun cavallo una dieta personalizzata che faccia fronte alle sue reali esigenze. Ormai, abbiamo a disposizione moltissimi mangimi concentrati differenti tra cui poter scegliere: mangimi di base di qualità a cui aggiungere nuclei adatti a ciascun cavallo, mangimi speciali poveri di carboidrati per cavalli con problemi gastrici ed intestinali, che utilizziamo solitamente anche per i soggetti più nevrili e quelli con patologie metaboliche.
Utilizzare alimenti di qualità, saperli dosare nel modo giusto e affiancare quelli giusti nella dieta di ciascun cavallo è quello che ci prefiggiamo ogni giorno.

Gli articoli del Blog

Trova qui l’argomento che ti interessa

Giro spesso in macchina e di tanto in tanto mi cade l’occhio su qualche cavallo, nei giardini delle case. In questa stagione, tendo a guardarli di più, probabilmente perché in inverno i cavalli mi sembrano tutti un po’ più tristi. Alcuni sono belli e curati mentre altri stanno in spazi che non basterebbero neppure a una gallina.

Ho parlato spesso nei miei articoli dell’importanza che ha per il cavallo un’alimentazione sana, in grado di non interferire con la salute dell’insieme dei microorganismi utili che vivono nel grosso intestino.

I problemi ortopedici a carico del legamento sospensore del nodello sono una delle cause principali di calo delle performance e zoppia nei cavalli sportivi. Il legamento sospensore è una struttura peculiare che deriva direttamente da un muscolo e origina nella parte più alta dello…

I rincari di questo brutto periodo, si stanno enormemente ripercuotendo anche sulla gestione dei cavalli nei maneggi. Gli aumenti del costo del gasolio e la siccità di questo ultimo anno, hanno fatto lievitare il costo del fieno, della paglia, della lettiera e del mangime. I cereali contenuti nei mangimi, che in buona parte venivano dall’Ucraina, risentono di un mercato in crisi a causa della guerra e del blocco nei porti. In più la siccità ha fatto si che…

Il cavallo a terra, una vera e propria urgenza

I cavalli che non riescono ad alzarsi da soli, sono un grosso problema e il peggior incubo di qualsiasi proprietario. Questo perché fondamentalmente ci si sente impotenti davanti all’idea di doverli sollevare, cosa che ipoteticamente potrebbe sembrare semplice, ma che non lo è proprio per il peso, la mole e, spesso, la scarsa collaborazione che il cavallo ci mette.

Quante volte mi sono sentita dire “dottoressa, il mio cavallo ha le mollette, può fare qualcosa per aiutarlo?”. In questi casi il mio grado di frustrazione è altissimo, perché le mollette tendinee si possono rendere più morbide, si possono ridurre, ma i cavalli che ne soffrono in genere se le tengono e per i cavalieri rimangono un problema da dover gestire per tutta la carriera agonistica dell’animale.

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

© Tutti i diritti riservati 2022 - Centro Veterinario Le Cicogne - P.I. 01998200032