Agopuntura

Influenze energetiche negative alla base di molte patologie

DC101F2C-3404-4D78-ADE4-B26C2A7F9199_1_105_c
IMG_3177
Immagini sito Cicogne

La Medicina Tradizionale Cinese (MTC) prevede rami diversi come l’agopuntura, la fitoterapia, l’esercizio e la dieta. La MTC è una delle più antiche forme di medicina esistenti perché risale al 2000-3000 AC durante la dinastia Shang e Chow in Cina.
Utilizzata oggi come trattamento d’elezione da un quarto della popolazione mondiale, la medicina tradizionale cinese interpreta l’animale come un microcosmo che si integra ed interagisce con il macrocosmo. L’intero animale, considerato un’unica entità con l’ambiente che lo circonda, è visto come un insieme che coinvolge numerosi “sistemi funzionali”.
Qualunque sintomo fisico o psichico non vuole significare la presenza di un’affezione localizzata, ma rappresenta il sintomo di uno squilibrio nell’energia vitale che pervade il corpo dell’animale. Secondo la teoria cinese, ogni animale nasce con un proprio bagaglio energetico che ricarica costantemente con il cibo, l’acqua e l’aria che respira.
L’armonica circolazione dell’energia lungo i meridiani, le sue vie di scorrimento, porta alla salute dell’organismo mentre un suo squilibrio favorisce la malattia.
Con l’agopuntura, il trattamento della malattia si effettua modificando l’attività di uno o più di questi sistemi energetici, agendo sulla superficie del corpo in punti precisi, detti agopunti. Si interviene sugli agopunti con l’azione di sottili aghi monouso, il laser, il calore o la semplice pressione.
Ogni agopunto, ha una corrispondenza funzionale con certe aree del corpo o con gli organi interni.
La particolare conoscenza anatomica di questi punti, la loro localizzazione tramite palpazione, e la nozione dei relativi effetti, permettono il trattamento delle disfunzioni corporee influendo positivamente sui circuiti regolativi dell’organismo, il sistema nervoso e il sistema endocrino.

Considerata da molti veterinari nel mondo come una valida terapia di supporto alla medicina convenzionale, l’agopuntura può essere applicata in tutti i casi di malattia ma anche nella prevenzione delle stesse.

Con l’agopuntura possono essere trattate con successo:

  • Patologie ortopediche, sia di natura osteo-articolare che muscolare
  • Condizioni dolorose acute e croniche
  • Squilibri ormonali, nei problemi legati alla sfera riproduttiva
  • Patologie infettive e immunomediate
  • Patologie geriatriche
  • Problemi comportamentali
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons Visita la nostra pagina

Trova qui l’argomento che ti interessa

Giro spesso in macchina e di tanto in tanto mi cade l’occhio su qualche cavallo, nei giardini delle case. In questa stagione, tendo a guardarli di più, probabilmente perché in inverno i cavalli mi sembrano tutti un po’ più tristi. Alcuni sono belli e curati mentre altri stanno in spazi che non basterebbero neppure a una gallina.

Ho parlato spesso nei miei articoli dell’importanza che ha per il cavallo un’alimentazione sana, in grado di non interferire con la salute dell’insieme dei microorganismi utili che vivono nel grosso intestino.

I problemi ortopedici a carico del legamento sospensore del nodello sono una delle cause principali di calo delle performance e zoppia nei cavalli sportivi. Il legamento sospensore è una struttura peculiare che deriva direttamente da un muscolo e origina nella parte più alta dello…

I rincari di questo brutto periodo, si stanno enormemente ripercuotendo anche sulla gestione dei cavalli nei maneggi. Gli aumenti del costo del gasolio e la siccità di questo ultimo anno, hanno fatto lievitare il costo del fieno, della paglia, della lettiera e del mangime. I cereali contenuti nei mangimi, che in buona parte venivano dall’Ucraina, risentono di un mercato in crisi a causa della guerra e del blocco nei porti. In più la siccità ha fatto si che…

Il cavallo a terra, una vera e propria urgenza

I cavalli che non riescono ad alzarsi da soli, sono un grosso problema e il peggior incubo di qualsiasi proprietario. Questo perché fondamentalmente ci si sente impotenti davanti all’idea di doverli sollevare, cosa che ipoteticamente potrebbe sembrare semplice, ma che non lo è proprio per il peso, la mole e, spesso, la scarsa collaborazione che il cavallo ci mette.

Quante volte mi sono sentita dire “dottoressa, il mio cavallo ha le mollette, può fare qualcosa per aiutarlo?”. In questi casi il mio grado di frustrazione è altissimo, perché le mollette tendinee si possono rendere più morbide, si possono ridurre, ma i cavalli che ne soffrono in genere se le tengono e per i cavalieri rimangono un problema da dover gestire per tutta la carriera agonistica dell’animale.

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

© Tutti i diritti riservati - Centro Veterinario Le Cicogne - P.I. 01998200032