Ozonoterapia

Una miscela di Ossigeno ed Ozono per curare infezioni ed infiammazioni

Immagini per video-2
Immagini per video
Immagini per video-3
Immagini per video

L’Ossigeno-Ozonoterapia è una terapia medica basata sulla somministrazione di una miscela di ossigeno (O2) e ozono medicale (O3). Questa terapia, che prevede l’utilizzo di un macchinario che genera ozono a partire dall’ossigeno, ha oltre 100 anni di storia. Fu infatti scoperta da un medico tedesco nel 1832 e impiegata inizialmente durante la seconda guerra mondiale, per aiutare i soldati feriti. Negli ultimi anni paesi sotto embargo come Cuba lo hanno utilizzato  

molto, sviluppando delle tecniche in umana hanno aiutato a risolvere diverse patologie, senza l’utilizzo di farmaci.
Un continuo aumento dell’antibiotico resistenza e l’esigenza di trovare sistemi alternativi ai farmaci, per risolvere vari generi di patologie sia locali che sistemiche, infettive e non, hanno portato anche noi veterinari ad avvalerci di questo sistema di terapia, efficace e mediamente poco costoso per il cliente. 

Immagini per video-9

I benefici dell'ozono

L’ozono ha, tra le sue molteplici proprietà, quella di avere un alto potere disinfettante su batteri e virus.
Per questa ragione lo usiamo molto per curare ferite, ulcere e ragadi e lo somministriamo anche per via generale in quei soggetti che hanno infezioni sistemiche o che hanno un sistema immunitario poco competente.
La sua azione antinfiammatoria lo rende adatto anche in ortopedia per trattare articolazioni, dolori alla schiena e tendini e legamenti sfibrati e lesionati, soprattutto nella fase acuta.
L’ozono ha la capacità di modificare le sostanze che producono infiammazione (Prostaglandine, Serotonina, Interleuchine), rendendole “incapaci” di generare dolore. Favorisce inoltre il microcircolo e la nutrizione dei tessuti, grazie a una miglior ossigenazione.

L’efficacia dell’ozono terapia è stata con il tempo riconosciuta ufficialmente dalla Comunità Scientifica e in Italia nel 1983 è stata fondata la Società Italiana di Ossigeno-Ozonoterapia.
I protocolli che usiamo in veterinaria sono stati prestati dalla medicina umana e rivisti a seconda della problematica della singola specie animale.
L’ozono si può somministrare per via endovenosa, intramuscolare, intra-articolare, intradermica, sottocutanea o grazie alla tecnica del baggin (applicazione di un sacchetto che avvolge la parte da trattare per mantenere la miscela di ossigeno-ozono a contatto con l’animale per un determinato tempo).
Ad oggi ci sono diverse pomate e oli addizionati con l’ozono, molto efficaci per trattare piaghe, ferite ed infiammazioni locali. 

Gli articoli del Blog

Trova qui l’argomento che ti interessa

Giro spesso in macchina e di tanto in tanto mi cade l’occhio su qualche cavallo, nei giardini delle case. In questa stagione, tendo a guardarli di più, probabilmente perché in inverno i cavalli mi sembrano tutti un po’ più tristi. Alcuni sono belli e curati mentre altri stanno in spazi che non basterebbero neppure a una gallina.

Ho parlato spesso nei miei articoli dell’importanza che ha per il cavallo un’alimentazione sana, in grado di non interferire con la salute dell’insieme dei microorganismi utili che vivono nel grosso intestino.

I problemi ortopedici a carico del legamento sospensore del nodello sono una delle cause principali di calo delle performance e zoppia nei cavalli sportivi. Il legamento sospensore è una struttura peculiare che deriva direttamente da un muscolo e origina nella parte più alta dello…

I rincari di questo brutto periodo, si stanno enormemente ripercuotendo anche sulla gestione dei cavalli nei maneggi. Gli aumenti del costo del gasolio e la siccità di questo ultimo anno, hanno fatto lievitare il costo del fieno, della paglia, della lettiera e del mangime. I cereali contenuti nei mangimi, che in buona parte venivano dall’Ucraina, risentono di un mercato in crisi a causa della guerra e del blocco nei porti. In più la siccità ha fatto si che…

Il cavallo a terra, una vera e propria urgenza

I cavalli che non riescono ad alzarsi da soli, sono un grosso problema e il peggior incubo di qualsiasi proprietario. Questo perché fondamentalmente ci si sente impotenti davanti all’idea di doverli sollevare, cosa che ipoteticamente potrebbe sembrare semplice, ma che non lo è proprio per il peso, la mole e, spesso, la scarsa collaborazione che il cavallo ci mette.

Quante volte mi sono sentita dire “dottoressa, il mio cavallo ha le mollette, può fare qualcosa per aiutarlo?”. In questi casi il mio grado di frustrazione è altissimo, perché le mollette tendinee si possono rendere più morbide, si possono ridurre, ma i cavalli che ne soffrono in genere se le tengono e per i cavalieri rimangono un problema da dover gestire per tutta la carriera agonistica dell’animale.

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

© Tutti i diritti riservati 2022 - Centro Veterinario Le Cicogne - P.I. 01998200032