Kinesiotaping

L’effetto terapeutico bio-meccanico dei Kinesiotape

5D6BB8B3-8C2A-4799-AA69-50109B9EB998_1_102_o
IMG_0013
3

Il Kinesiotaping è un bendaggio adesivo elastico con effetto terapeutico biomeccanico. Questa tecnica, prestata alla medicina veterinaria da quella umana, si basa sul processo di guarigione naturale del corpo.
Viene, infatti, sfruttata l’azione locale di speciali cerotti che, se applicati nel modo corretto, hanno molteplici molteplici effetti biomeccanici, che favoriscono la naturale guarigione delle aree trattate.
Grazie al loro effetto biomeccanico, i Kinesiotape impediscono movimenti “indesiderati” e quindi potenzialmente traumatici, sia a livello articolare che muscolare, e hanno una diretta azione terapeutica sui vari tessuti.
L’applicazione dei cerotti dipende dalla sede del problema e dal tipo di lesione. Possono essere utilizzati sia in cavalli in attività che in cavalli in riabilitazione, anche se è fondamentale che il cavallo abbia la possibilità di muoversi, altrimenti si perde l’effetto.

Le 3 principali azioni terapeutiche dei Kinesiotape che sfruttiamo nella riabilitazione sono:

  • Aumento della vascolarizzazione: i cerotti creano sulla pelle un micromassaggio che favorisce la circolazione e il drenaggio linfatico. tra la pelle e il muscolo. Questa stimolazione locale è molto utile sulle lesioni tendinee e legamentose dei cavalli, soprattutto in fase acuta.

     

  • Riduzione della pressione nell’area infortunata: meno gonfiore (ematomi ed infiammazione locale) e rapida riduzione dei cataboliti infiammatori, che rallentano la guarigione.

     

  • Riduzione del dolore: l’azione diretta dei cerotti sui recettori cutanei del dolore e la riduzione dell’edema infiammatorio che, per l’effetto biomeccanico limita la tensione locale, aiutano a ridurre il dolore nella zona trattata.

     

  • Supporto all’attività muscolare:  ripristino della giusta tensione muscolare dove c’è una contrattura o l’esito di un trauma, facilitando o inibendo la contrazione del muscolo.

     

  • Stimolazione della propriocezione: l’applicazione dei cerotti è molto utile per stimolare anche i meccanocettori e organi muscolo-tendinei del Golgi (propriocettore muscolare localizzato a livello della giunzione tra i tendini e le fibre muscolari). La propriocezione si perde in seguito ad una riduzione dell’utilizzo di un arto in seguito ad un problema ortopedico, e ripristinarla è di fondamentale importanza per ridurre le recidive, soprattutto nelle prime fasi di lavoro post trauma.
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons Visita la nostra pagina

Gli articoli del Blog

Trova qui l’argomento che ti interessa

Giro spesso in macchina e di tanto in tanto mi cade l’occhio su qualche cavallo, nei giardini delle case. In questa stagione, tendo a guardarli di più, probabilmente perché in inverno i cavalli mi sembrano tutti un po’ più tristi. Alcuni sono belli e curati mentre altri stanno in spazi che non basterebbero neppure a una gallina.

Ho parlato spesso nei miei articoli dell’importanza che ha per il cavallo un’alimentazione sana, in grado di non interferire con la salute dell’insieme dei microorganismi utili che vivono nel grosso intestino.

I problemi ortopedici a carico del legamento sospensore del nodello sono una delle cause principali di calo delle performance e zoppia nei cavalli sportivi. Il legamento sospensore è una struttura peculiare che deriva direttamente da un muscolo e origina nella parte più alta dello…

I rincari di questo brutto periodo, si stanno enormemente ripercuotendo anche sulla gestione dei cavalli nei maneggi. Gli aumenti del costo del gasolio e la siccità di questo ultimo anno, hanno fatto lievitare il costo del fieno, della paglia, della lettiera e del mangime. I cereali contenuti nei mangimi, che in buona parte venivano dall’Ucraina, risentono di un mercato in crisi a causa della guerra e del blocco nei porti. In più la siccità ha fatto si che…

Il cavallo a terra, una vera e propria urgenza

I cavalli che non riescono ad alzarsi da soli, sono un grosso problema e il peggior incubo di qualsiasi proprietario. Questo perché fondamentalmente ci si sente impotenti davanti all’idea di doverli sollevare, cosa che ipoteticamente potrebbe sembrare semplice, ma che non lo è proprio per il peso, la mole e, spesso, la scarsa collaborazione che il cavallo ci mette.

Quante volte mi sono sentita dire “dottoressa, il mio cavallo ha le mollette, può fare qualcosa per aiutarlo?”. In questi casi il mio grado di frustrazione è altissimo, perché le mollette tendinee si possono rendere più morbide, si possono ridurre, ma i cavalli che ne soffrono in genere se le tengono e per i cavalieri rimangono un problema da dover gestire per tutta la carriera agonistica dell’animale.

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

© Tutti i diritti riservati - Centro Veterinario Le Cicogne - P.I. 01998200032